University of Hertfordshire

From the same journal

By the same authors

Gli Psiconauti: navigatori della mente o sperimentatori chimici?

Research output: Contribution to journalArticle

View graph of relations
Original languageItalian
Number of pages7
Pages (from-to)15-21
JournalMedicina delle Dipendenze
Journal publication date1 Jun 2016
Volume6
Issue22
Publication statusPublished - 1 Jun 2016

Abstract

Recentemente, all’interno delle comunità online (forum, blog, social network), si sta diffondendo una nuova generazione di consumatori di sostanze, altamente informati ed esperti nel campo delle nuove sostanze psicoattive (NSP), capaci di fornire qualsiasi tipo di informazione in merito alle caratteristiche farmacologiche e chimiche nonché cliniche delle NSP, suggerendo le ‘migliori’ combinazioni, dosaggi e vie di somministrazioni al fine di ottenere il miglior ‘high’. Il presente articolo ha lo scopo di fornire una descrizione dettagliata sulle principali caratteristiche (socio-demografiche, psicologiche, etc.) di tali psiconauti del web, mediante l’analisi dei loro siti di discussione (forum/blog/account sui social network), utilizzando un approccio di osservazione non invasivo di tipo qualitativo (metodo netnografico). Post e discussioni sono stati accuratamente selezionati, revisionati, analizzati e confrontati in merito alla presenza di cluster comportamentali e caratterizzanti comuni. Generalmente gli psiconauti non si ritengono degli abusatori o dipendenti dalle sostanze psicoattive, definendosi piuttosto come dei ‘ricercatori psichedelici’, ‘filosofi dell’alchimia’, ‘alchimisti’ mentre altri si considerano i ‘nuovi sciamani’. Sono stati osservati una ottima padronanza linguistica ed abilità descrittive, essenziali per riportare in modo accurato e preciso le proprie esperienze psichedeliche. La maggior parte sono giovani, di sesso maschile, non sposati, caucasici e con una buona posizione lavorativa (es. ingegneri informatici, impiegati, docenti universitari, etc.). Una predisposizione all’esplorazione del proprio ‘mondo interno’ mediante l’impiego di sostanze psicoattive, un ottimo di repertorio di conoscenze di tipo farmacologico/chimico/informatico e una attitudine alla ricerca in ambito psichedelico/chimico nonché alla condivisione delle proprie esperienze (‘trip reports’), in particolare con le NSP, si associano ad elevati livelli di novelty seeking e decision making di tipo impulsivo.

Notes

Laura Orsolini et al, "Gli Psiconauti: navigatori della mente o sperimentatori chimici?", Medicina delle Dipendenze, Vol. 6 Issue 22, June 2016. Available online at: http://www.medicinadelledipendenze.it/rivista/tutti-i-numeri/le-nuove-sostanze-psicoattive/gli-psiconauti-navigatori-della-mente-o-sperimentatori-chimici.html © 2010-2016 Publishday Srl , P.IVA 03316280928 Via Nazario Sauro 10, 09123 Cagliari, Italy

ID: 10279080